asia educazione

Incontrarsi nell'arte edizione 2012-2013

Laboratori e percorsi artistici guidati da Maria Rapagnetta
Argomento: Arte

Incontrarsi nell'arte

 

Incontrare se stessi attraverso l’opera d’arte 

Vassily Kandinskij, nel suo libro Lo spirituale nell’arte, diceva: “E’ chiaro che l’armonia delle forme è fondata solo su un principio, l’efficace contatto con l’anima”. Sono parole di grande forza evocativa, come evocativa è la grande arte, ciò che non si può trascurare però, è la disposizione con cui ci si dispone in ascolto di un’opera. 

Da circa dieci anni, Incontrarsi nell’Arte, propone un’esperienza unica a diretto contatto con una sola opera d’arte. Ciascun incontro è condotto seguendo un approccio di tipo laboratoriale, in modo che ogni partecipante, possa attingere attraverso le proprie emozioni e stati d’animo al significato dell’opera. 

Gli incontri sono aperti a tutti coloro che vogliono "incontrare" l'opera d'arte in modo coinvolgente, lasciando emergere il sentire che ogni opera racchiude, per poi attraverso l'analisi storico artistica, comprenderne il significato. 

CALENDARIO 2012 / 2013

Sabato 29 settembre 2012 - svolto, clicca per leggere la descrizione
Sabato 27 ottobre 2012 - svolto, clicca per leggere la descrizione

Sabato 1 dicembre 2012 - svolto clicca per leggere la descrizione
Sabato 9 febbraio 2013 - svolto clicca qui per leggere la descrizione
Sabato 2 marzo 2013 - svolto clicca qui per leggere la descrizione

Sabato 25 maggio 2013 - svolto clicca qui per leggere la descrizione

 Due appuntamenti saranno dedicati alla scoperta della Raccolta G. Lercaro

Orario 15.30 – 17.30
 I luoghi di visita saranno comunicati di volta in volta.



Guarda il video sul metodo Incontrarsi nell'arte
www.incontrarsinellarte.it/il-metodo/

Primo appuntamento di Incontrarsi nell’Arte
29 settembre 2012 
torna al calendario

Mostra di Mimmo Paladino

La visita del 29 settembre 2012 e stata dedicata alla mostra di Mimmo Paladino al MIC di Faenza, Paladino Ceramiche, un’occasione per conoscere lo studio sulla terra cotta e sulla ceramica condotto da più di vent’anni d’artista campano, risale infatti al 1990 la collaborazione intrapresa con il laboratorio Gatti di Faenza.
Per il laboratorio di ascolto dell’opera d’arte è stata scelta l’installazione Dormienti, una figura quella del Dormiente su cui Paladino riflette e lavora dal 1993. In questa istallazione il Dormiente esprime la metafora della sospensione, all’interno di un significato storico – umano posto tra arcaismo ed epica. I Dormienti attraverso l’atto del dormire cercano di tornare in contatto con un mondo antico fatto di simboli ed essenzialità, nel sonno, pare dire l’artista, l’uomo rientra in contatto con un suo livello più autentico, tutti accomunati da un’unica storia, che è la storia stessa dell’uomo.

Per approfondire
Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Secondo appuntamento di Incontrarsi nell’Arte
27 ottobre 2012 
torna al calendario

Mostra di Maurizio Bottarelli

La mostra organizzata dalla Fondazione del Monte di Bologna dal titolo Il disagio della civiltà esprime attraverso due filoni tematici: le teste e il paesaggio, il disagio interiore che l’uomo vive in rapporto col mondo.
Maurizio Bottarelli visita luoghi ai due capi del mondo con tradizioni diverse, climi diversi, ciò che interessa all’artista è la reazione di fronte a paesaggi così estremi, per caldo, freddo, irruenza della natura, isolamento. Nell’opera scelta per l’ascolto Paesaggio norvegese del 2010, ci troviamo ad incontrare una nuova esplorazione del rapporto uomo-natura-assoluto, qui l’uomo entra in dialogo profondo con il mistero che la natura esprime. Questo paesaggio così essenziale e diretto, a mio avviso racchiude un unico significato, l’incanto della solitudine … L’artista ci conduce all’interno di un contesto naturale in cui l’evocazione della solitudine diventa motivo di stupore, meditazione con il proprio sé. Lo spazio immenso, esteso, che vediamo fuori allo stesso tempo lo percepiamo dentro di noi, e tutto questo diventa incanto.

Terzo appuntamento di Incontrarsi nell’Arte
1 dicembre 2012
torna al calendario

presso la Pazzo Fava – Palazzo delle Esposizioni
sull’opera di FELICE CASORATI - Donna vicino al tavolo -1936

Questa scena ci mostra come nel trambusto quotidiano, all’interno di un ambiente familiare, in cui si combinano per contrasto il tavolo affollato di oggetti e, la figura di donna in primo piano e isolata, in un’atmosfera di profonda sospensione, la giovane trova un momento per fermarsi a riflettere, sembra voler dare ascolto ai propri dubbi, alle incertezze, si accorge di qualcosa di importante, che la riguarda, e non può smettere di pensarci … in lei cogliamo un sentimento sospeso d’intimo pudore, nell’essersi colta cosciente di sé.

Quarto appuntamento di Incontrarsi nell’Arte
9 febbraio 2013
torna al calendario

presso il Museo Archeologico di Bologna, nell'ambito di Art City
sull’opera di MARINO MARINI - Pomona -1945

Nell’ambito di Art City, il Museo Archeologico di Bologna ha ospitato una piccola mostra dedicata a Marino Marini, l’opera scelta per l’ascolto è stata Pomona del 1945, soggetto che l’artista approfondirà per lungo tempo. Questa scultura mostra l’incredibile lavoro di sottrazione della materia che Marini compie nella sua personalissima ricerca verso l’essenza degli elementi, restano in gioco solo due polarità, la natura in quanto elemento primario e il simbolo, in questo caso l’elemento femminile e il simbolo della fecondità. Marini nella spogliazione del figurativo classico riesce a riportare attraverso il linguaggio arcaico, la pura coincidenza di femminile e fecondità senza nessun tipo di giudizio storico, ne mostra solo l’esistenza.

Quinto appuntamento di Incontrarsi nell’Arte
2 marzo 2013
torna al calendario

presso la galleria Blu Gallery, con la presenza dell’artista Asako Hishiki.


Asako Hishiki nel raffigurare l’opera Bisbiglio I, mostra il suo personale rapporto con la natura, dove si evince tutta la sensibilità della tradizione giapponese, un grande rispetto per ogni elemento naturale, e ogni uomo è parte di essa, condividendone i destini. L’artista crea immagini composte di elementi ripetuti che evocano il ”tempo assoluto”, un metalivello in cui si mescolano ricordi, visioni, realtà ed emozioni. Il tutto reso leggero e morbido dalla tecnica xilografica, l’artista crea uno o più stampi da cui ottiene una singola opera. Il significato del lavoro di Asako è tutto incentrato sull’esperienza di presenza cosciente della natura quindi, non una suggestione percettiva, ma la rappresentazione di un vissuto emozionale interiore, esperito ripetutamente in ascolto e in relazione con la natura. In questo caso il soggetto dell’ispirazione è l’albero di pino, simbolo di immortalità sia nella cultura orientale che in quella occidentale.

Sesto appuntamento di Incontrarsi nell’Arte
25 maggio 2013
torna al calendario

mostra Giacomo Manzù e il Concilio Vaticano II – Raccolta Lercaro.


L’incontro del 25 maggio si è svolto presso la Raccolta Lercaro nell’ambito della mostra Giacomo Manzù e il Concilio Vaticano II, tra le opere esposte dedicate alla realizzazione della Porta della morte, realizzata dall’artista per San Pietro in Vaticano, per l’ascolto è stato scelto il bassorilievo in bronzo raffigurate Papa Giovanni XXIII. Quest’opera ha la particolarità di essere stata realizzata da Manzù per commemorare la morte del Pontefice avvenuta durante il compimento del lavoro della Porta, che dopo 17 anni vedeva realizzarsi proprio in virtù della concessione del cambio di tema accordato a Manzù da parte di Giovanni XXIII.

Nel bassorilievo l’anziano Pontefice viene raffigurato assorto nell’ultima preghiera mentre vive il trapasso, gli abiti, la posizione del corpo lo fanno immaginare ancora in vita ma il volto così assorbito mostra ciò che è trasceso. L’essenzialità con cui Manzù è riuscito a rappresentare l’uomo-Pontefice nell’antica metafora del “varcare la soglia” è davvero toccante.



Incontri rivolti a tutti

Vi preghiamo di confermare l'adesione con una settimana di anticipo, alla:
Segreteria di ASIA - Tel 051 225588
oppure direttamente all'insegnante Maria Rapagnetta, al 329 9720882

Per saperne di più
educazione@asia.it
Segreteria di ASIA - Tel 051 225588


Facebook Twitter Youtube
shop.asia.it
Videocorsi scaricabili
Dona ora
Articoli
Eventi