asia
13 Ottobre 2012

Introduzione alla meditazione

13 Ottobre 2012 dalle 20,30 alle 22,30

Sabato 13 Ottobre, dalle ore 20.30 alle ore 22.30, Franco Bertossa condurrà un incontro gratuito di introduzione alla meditazione presso la sede di ASIA, via Riva di Reno, 124, Bologna. 

(*)Per partecipare ricordiamo di indossare abiti larghi e comodi, di entrare nella sala della meditazione senza scarpe e di restare cortesemente fino alla fine dell'incontro.
Consultare la pagina facebook di ASIA dove verrà comunicato tempestivamente ogni (eventuale) spostamento dell'incontro.

"Io urlo la mia domanda all'universo, ma l'universo continua a tacere" scrive Albert Camus.
L'occidentale vive nelle parole, arriva a dire che è mondo solo ciò che diviene linguaggio. Dopo la prova della propria esistenza attraverso il dubbio (atto di pensiero), Cartesio si chiede: "Cosa sono?". Si risponde: "Sono una cosa che pensa". Chi ha esperienza di meditazione sa che la realtà si avvicina piuttosto ad un "sum ergo cogito": sono qualcosa che può anche pensare.
La meditazione è uno stato di silenzio interiore: "Tenebre luminosissime, silenzio eloquentissimo".
Si fa esperienza di "Ciò che è", "Ciò" che non ha bisogno di parole per dire di sé, non di luce per mostrarsi: dice tutto di sé nel silenzio e nelle tenebre. Il silenzio dell'universo è, per il mistico, un urlo insopportabile perché troppo significante.
Non è questione d'opinioni, ma d'esperienza:
"Si ha lo stato di yoga allorché s'acquieta il turbinio mentale. Allora lo spirito ritorna alla propria natura originaria". Così ci ha tramandato Patanjali, il grande sapiente dello Yogasutra.
Asana, Za-zen, posture per il silenzio,
vie per l'esperienza dello Spirito.
Se il corpo prova disagio, la mente si agita; se la mente si agita, non è possibile il silenzio interiore. Il silenzio si fonda sulla quiete del corpo, la quiete sull'equilibrio. Luogo dell'equilibrio è la colonna vertebrale.
Il silenzio si fonda sull'equilibrio della colonna vertebrale: Asana. Il silenzio è il luogo della lucida, silenziosa, a-verbale, intro-versione della coscienza: Dhyana. Quando la coscienza si ripiega, in un muto domandare, su se stessa, può eventuarsi l'intuizione che cambia la vita: la Grande comprensione - Satori. Puoi scoprire ciò che dà alla vita un indubitabile, sacro, senso.

Franco Bertossa

Vi preghiamo di telefonare il giorno prima degli appuntamenti
(051/225588) per chiedere conferma delle date.

Per approfondire il tema della meditazione:

La Meditazione, alle origini del domandare/1
Elenco completo della rubrica "La meditazione, alle origini del domandare"



Commenti:


Non ci sono commenti


Lascia un commento:


Se desideri lasciare il tuo commento devi essere registrato ed effettuare il login inserendo Utente e Password negli appositi campi in alto nella pagina.
Se non sei ancora registrato clicca qui per registrarti.
Facebook Twitter Youtube
Newsletter




Acconsento al trattamento dei miei dati personali.

Videocorsi scaricabili
Dona ora
Iscriviti ad Asia
Articoli
Eventi