asia
15 Maggio 2007

Saper accompagnare

Letture consigliate da ASIA

Saper accompagnare.
Aiutare gli altri e se stessi ad affrontare la morte

di Frank Ostaseski, Mondadori 2006
Prezzo €8,40

 

 

 

In una società come la nostra, che considera la morte e il dolore (fisico e mentale) come storture della natura cui trovare una paradossale soluzione – solitamente chimica –, risulta certo difficile pensare all’accompagnamento di un malato terminale come qualcosa cui ci si debba formare secondo principi precisi, da affrontare in modo il più possibile consapevole e scevro da paure. Perlopiù ci si ritrova in questa situazione come sbalzati in un incubo, nel quale siamo spaventati almeno quanto il malato o il morente. Coloro che hanno alle spalle una pratica seria, o anche un credo sincero, spesso sanno quanto sia importante affrontare lecitamente la malattia e la morte, e di solito non ne sono spaventati: il contatto quotidiano con la propria interiorità permette loro di essere presenti nel momento della sofferenza e della morte, e di “contagiare” l’assistito con un coraggio altrimenti sepolto sotto la prospettiva della nientificazione.

Per tutti coloro che si trovano al capezzale di una persona gravemente malata o prossima al trapasso, Frank Ostaseski scrive questo che è un vero e proprio manuale, non solo per accompagnare consapevolmente e con forza d’animo chi soffre o muore, ma anche per scoprire la preziosità dei momenti più difficili, delle esperienze che temiamo perché indissolubilmente legati a un profondo dolore. Ostaseski, praticante di lunga data di Buddhismo Zen e fondatore dello Zen Hospice Project di San Francisco, parte proprio dal dolore, che accomuna inevitabilmente “accompagnatore” e “accompagnato” e che, attraverso un difficile ma essenziale percorso interiore, svela l’inconsistenza della separazione fra questi due ruoli; l’autore, se da un lato propone pratiche e meditazioni da sperimentare allo scopo di offrire al lettore strumenti validi per vivere un presente tanto penoso, dall’altro sottolinea come malattia e lutto siano occasioni impagabili per affacciarsi con inconsueta lucidità sulla consapevolezza di se stessi, altrimenti celata da frenesia e disattenzione di ogni giorno. Ostaseski non precisa in cosa consista tale consapevolezza: condurvi il lettore non è lo scopo del suo libro; piuttosto, egli presenta una nuova possibile relazione con la fine della vita e la sofferenza, lasciando che l’esperienza in prima persona – vissuta con sufficiente apertura – parli da sé.

Una divisione in tre sezioni principali – La preparazione, Il servizio e Il lutto – e un’ulteriore suddivisione all’interno di ognuno dei tre capitoli indirizzano la lettura in modo ordinato e coerente, permettendo il riconoscimento immediato e concreto delle diverse fasi dell’esperienza e, cosa fondamentale, delle diverse emozioni che solitamente emergono in ogni fase; Ostaseski azzarda una breve indagine sui principali fraintendimenti che determinano reazioni come il senso di colpa, la rabbia, il rancore, la paura, e sottolinea come certi sapori emotivi si somiglino o rimandino l’uno all’altro. Oltre ad evidenziare alcune delle sensazioni più violente relative al lutto, l’autore indica la possibile accettazione di tali reazioni, alla luce argentea dell’esperienza della morte in prima e seconda persona. Manca forse una più ampia elaborazione filosofica in questo bel libro, che può essere comunque molto utile a chi voglia prepararsi umilmente e concretamente a eventi tanto misteriosi e intensi: certo, se Ostaseski avesse inteso argomentare l’importanza di un’esperienza lecita di (accompagnamento alla) morte avrebbe dovuto probabilmente dedicare più di un volume alla sua trattazione; Saper accompagnare si rivolge invece a un pubblico che si presume già cosciente della sacralità di dolore e trapasso, dell’importanza di morire in un ambiente familiare e di ritualità come quella del bagno e della vestizione… cosa per nulla scontata in questa parte di mondo.

Il vero coraggio di queste pagine sta nella proposta di una guarigione non per forza relativa al corpo, e di un lutto che ripropone – amplificandolo – un sentire in realtà quotidiano; la guarigione assume infatti un significato più profondo di quello usualmente assunto: essa “è sempre possibile, anche se la malattia è incurabile. […] La guarigione come risanamento, dove per ‘sano’ si intende letteralmente ‘completo’, ‘intero’ […]. La guarigione, dunque, come riscoperta di una completezza originaria”. Il lutto, d’altra parte, non è semplicemente il periodo che segue il decesso di un caro, bensì il riproporsi della “reazione alle tante perdite, alle piccole morti che avvengono ogni giorno. Sono i momenti in cui non otteniamo riconoscimento, le volte in cui le nostre aspettative vengono deluse [,] quando ci tornano in mente le occasioni in cui la nostra negligenza ha ferito gli altri […]. A volte il lutto è per qualcosa che avevamo e abbiamo perduto; a volte, per qualcosa che non abbiamo mai avuto.”. Il dono più grande del libro di Ostaseski è lo spalancamento sulla consapevolezza che “il lutto è come un fiume che attraversa la nostra vita, ed è importante prendere coscienza del fatto che non finisce mai. In questo modo il nostro atteggiamento nei suoi confronti sicuramente cambia. L’intensità e la modalità di espressione non saranno sempre le stesse, ma il lutto in quanto tale ci accompagna, e il resistergli non fa altro che esacerbare il dolore.”.

di Linda Altomonte
Centro Studi ASIA


Commenti:


Non ci sono commenti


Lascia un commento:


Se desideri lasciare il tuo commento devi essere registrato ed effettuare il login inserendo Utente e Password negli appositi campi in alto nella pagina.
Se non sei ancora registrato clicca qui per registrarti.
Facebook Twitter Youtube
Newsletter

Acconsento al trattamento dei miei dati personeli

Videocorsi scaricabili
Dona ora
Iscriviti ad Asia
Articoli
Eventi